Main menu

Pages

Come scegliere una VPN sicura che non spia e non condivide dati

VPN sicura Quando parliamo di VPN in ambito domestico ci riferiamo ai servizi di anonimato che, tramite una connessione cifrata, permettono di nascondere la nostra presenza su Internet fornendoci un IP falso (completamente diverso dall'IP pubblico che il nostro operatore ci fornisce). Questi servizi sono molto buoni per poter navigare senza lasciare tracce su Internet o per accedere a servizi dedicati solo a utenti di paesi esteri (per esempio Netflix USA, accessibile solo con gli IP statunitensi), ma se decidiamo di utilizzare una VPN a pagamento, dobbiamo essere certi che il servizio scelto offra una buona protezione della privacy e che non comunichi i dati raccolti durante la nostra connessione (tutti i dati Internet passeranno dal server VPN prima di raggiunger il sito o il servizio richiesto, quindi dobbiamo scegliere un servizio di cui fidarci ciecamente).
In questa guida vi mostreremo nel dettaglio come scegliere una VPN sicura che non spia e non condivide dati, così da poter navigare in tutta sicurezza ed evitare intercettazioni, mandati internazionali e spionaggio.

LEGGI ANCHE: Migliori VPN gratis per navigare sicuri e liberi

Come scegliere una VPN sicura

Quando scegliamo un nuovo servizio VPN a pagamento dobbiamo prendere confidenza con i termini Fourteen Eyes, garanzia No Logs e altri termini che spesso non vengono pubblicizzati dai siti Web dei vari servizi VPN ma che dobbiamo assolutamente conoscere per poter proteggere in maniera efficace la nostra privacy quando navighiamo su Internet. Non fermiamoci al prezzo dell'abbonamento (scegliendo subito il più economico): le VPN più economiche spesso sono quelle più pericolose dal punto di vista della privacy.

Cosa significa Fourteen Eyes?

Quando scegliamo un servizio VPN dobbiamo accertarci che la sede del servizio non sia in un paese della cosiddetta Fourteen Eyes, ossia facente parte dei paesi che condividono informazioni di intelligence e che permettono quindi di scambiarsi rapidamente log di tracciamento e mandati internazionali per obbligare i gestori dei servizi a far accedere ai server dislocati in tutto il mondo.
Fourteen Eyes

Dall'immagine in alto possiamo dare un rapido sguardo a tutti i paesi del mondo che condividono con facilità le informazioni, violando la privacy degli utenti quando necessario o quando è in corso un'indagine.
Senza entrare nei dettagli della geopolitica internazionale, vi basta evitare "come la peste" i servizi VPN con le sedi presenti in uno dei paesi della Fourteen Eyes o che presenta accordi con la Fourteen Eyes. Se non riusciamo a trovare dei dettagli sulla sede, cerchiamo nelle informazioni del sito e del servizio, leggendo anche le normative sulla privacy (dove deve essere riportata la sede del servizio).
Per andare sul sicuro basterà scegliere i servizi VPN con la sede in uno dei seguenti paesi:
  • Panama
  • Seychelles
  • Hong Kong
  • Romania
  • Cipro del Nord
  • Cipro
  • Malaysia
  • Finlandia
  • Belize
  • Moldova
  • Isole Vergini Britanniche
Evitiamo tutti gli altri servizi VPN in paesi "collaborativi" (che non appartengono alla Fourteen Eyes ma sono collaborativi in caso di mandati internazionali, come la Svizzera e Israele) o in paesi con sedi all'interno della Fourteen Eyes (di fatto possono raccogliere i dati e condividerli quando necessario).

Cosa significa No Logs?

Con No Logs intendiamo la garanzia da parte del gestore dei server VPN che nessun dato personale (riconducibile alla nostra persona o alla nostra identità) viene raccolto durante l'utilizzo del servizio sui nostri computer.
Questa politica deve essere approfondita nel dettaglio, visto che una totale politica No Logs non è possibile al giorno d'oggi: per poter funzionare correttamente i server VPN devono tenere traccia degli orari di accesso e degli orari di uscita di ogni utente e, per poter ottenere una buona politica del No Logs, questi dati devono essere cifrati e resi irriconoscibili (di fatto diventano una semplice stringa alfanumerica associata ad un orario di login e ad un orario di logout, senza nessun riferimento ad utenti particolari).
VPN cifrata

Questo aspetto è molto importante e va di pari passo con la Fourteen Eyes: se scegliamo un servizio VPN in un paese sicuro, dobbiamo essere anche certi che sia applicata una rigorosa politica di No Logs, così che i nostri dati di navigazione quando siamo sotto VPN non vengano immagazzinati (ossia cookie, indirizzo IP della nostra linea, richieste DNS, siti visitati, materiale scaricato etc.).
Purtroppo tutti i servizi VPN vantano una politica No Logs, anche quelli presenti nei paesi della Fourteen Eyes (cosa che potrebbe essere un controsenso!): dobbiamo essere noi bravi a capire dove sono conservati i server di autenticazione, ossia i server che custodiscono i database cifrati con i dati statistici d'accesso (sono comunque dati custoditi in forma anonima, ma meglio che rimangano fuori dalla Fourteen Eyes!).

I server VPN in Italia o nei paesi della Fourteen Eyes sono sicuri?

La domanda sorge spontanea: se scegliamo un servizio VPN fuori dalla Fourteen Eyes e con una rigorosa politica sul No Logs ma decidiamo di connetterci al loro server posizionato in Italia (paese della Fourteen Eyes), verremo spiati?
La risposta è no: anche se i server del servizio VPN possono essere presenti all'interno dei paesi della Fourteen Eyes (cosa indispensabile per poterci fornire un IP falso italiano, statunitense o di qualsiasi altra natura), i dati delle sessioni di navigazione non vengono raccolti e gli unici dati necessari al funzionamento (dati di login e logout) finiscono, sempre cifrati, in un database conservato nel paese in cui è presente la sede del servizio.
Connessione protetta

Se viene emesso un mandato o un sequestro dei dati per il server VPN (e ricordiamoci che dietro di esso si nascondono almeno 1000 utenti al secondo!), esso non conterrà nessun dato riconducibile ai singoli utenti: i fautori del mandato dovranno inoltrare la richiesta al paese dove è presente la sede del server degli accessi, finendo in un vicolo cieco (i paesi fuori dalla Fourteen Eyes non hanno l'obbligo di legge nel comunicare i dati custoditi in server di imprese private).
Quindi nella maggior parte dei casi il server VPN incriminato verrà semplicemente sequestrato e chiuso, ma visto il margine di guadagno elevato per tutti i servizi VPN, "morto un papa se ne fa un altro", ossia viene aperto subito un nuovo server VPN (o una nuova sede con nuovi server) nel paese della Fourteen Eyes dove è stato compiuto il gesto.

Questo rende possibile l'utilizzo del servizio VPN per ottenere senza problemi un nuovo indirizzo IP italiano, statunitense, tedesco, francese o di qualsiasi altro paese, senza temere ripercussioni o discriminazioni.

Conclusioni

In questa guida vi abbiamo fornito solo una panoramica superficiale del mondo delle VPN, indicandovi le informazioni che dobbiamo assolutamente controllare prima di scegliere un buon servizio VPN: scegliamone uno che protegge realmente la nostra privacy e che non vende i nostri dati di navigazione al primo che passa e chiede.

Visto che i servizi VPN migliori sono quelli a pagamento, vi consigliamo di incrociare subito le informazioni fornite con i servizi visti nella nostra guida VPN premium più veloci, affidabili e senza limiti.
Per conoscere tutti i metodi per nascondere la nostra identità su Internet, vi consigliamo di leggere i nostri articoli Navigare anonimi su internet con proxy, vpn e indirizzo IP falso e Guida per configurare Tor con IP stranieri.
reactions

Comments

table of contents title